Luoghi di Prato:
Musei

Un viaggio dalla nascita dell’universo alle origini della Terra

Museo di Scienze Planetarie

Un viaggio dalla nascita dell’universo alle origini della Terra

E’ stato inaugurato nel 2005 e la sua visita che si snoda lungo un percorso che dalla nascita dell'Universo e del Sistema Solare arriva fino alle origine della Terra, il “viaggio” che garantisce una suggestiva esperienza, è integrato da una “quadrisfera” nella quale si può assistere ad una multi proiezione che, grazie ad un complesso gioco di specchi, racconta con suoni e immagini gli eventi che vanno dalla formazione dell'Universo e del Sistema Solare fino alla nascita della vita sul pianeta.
Il progetto scientifico del Museo è stato elaborato dall'Istituto Geofisico Toscano ed è quindi particolarmente vocato alla didattica, alla divulgazione e alla ricerca scientifica con l'intento di trasmettere al visitatore le conoscenze scientifiche più avanzate in discipline quali l’astronomia, la planetologia, la geologia e la mineralogia.
Il Museo possiede due collezioni principali: una di meteoriti e rocce da impatto, costituita da 625 campioni di cui 125 esposti, l'altra di minerali, composta da 4500 campioni di cui 130 esposti.

La collezione di meteoriti e rocce da impatto si è accresciuta nel corso degli anni grazie all'acquisto di singoli campioni o interi lotti presso commercianti e ricercatori: questo è stato possibile grazie ad un lungo e meticoloso lavoro di selezione effettuato dal personale della Fondazione Prato Ricerche.
Alcune meteoriti e rocce da impatto, invece, sono state raccolte durante spedizioni scientifiche organizzate dalla Fondazione stessa presso le zone desertiche della Libia, Mauritania, Algeria, Egitto.
Tra i campioni esposti spicca la meteorite metallica di Nantan che, con il suo peso di 272 kg, costituisce il campione di maggior peso presente in Italia.
La collezione di minerali (circa 4100 campioni, di cui 130 esposti) presenta pezzi eccezionali tra cui un topazio di considerevoli dimensioni.

Per saperne di più:

www.museoscienzeplanetarie.eu

Un approfondimento in più