Prato innovativa :
Gli spazi rinnovati

Lanificio Calamai

lanificio calamai prato

Un simbolo dell’architettura industriale

Intorno al 1880 a Prato, più precisamente poco al di fuori della zona Porta al Serraglio, si formò un nuovo quartiere lungo la via Bolognese e il fiume Bisenzio. Questo sviluppo urbanistico venne accompagnato dalla costruzione di importanti insediamenti industriali - come il Fabbricone, il Lanificio Mazzini e le due sedi della fabbrica Calamai - che funzionarono da elementi generatori del futuro tessuto urbano. In questa fase venne costruito anche l’edificio del Lanificio Calamai, a partire dal 1924, che figurava nelle tavole dell'IGM nell'aggiornamento del 1934. Il progetto edilizio fu curato dagli ingegneri Poggi e Gaudenzi, come si apprende da più targhe affisse sui muri dei capannoni sulle quali si legge: "Ing.ri Poggi Gaudenzi & C. Società per Costruzioni cementizie, Firenze via de' Martelli 7". Nel 1927 la fabbrica già occupava 28.000 metri quadrati dei quali 22.500 coperti, mentre nel 1930 si rese necessario un nuovo ampliamento per realizzare una tintoria e un nuovo magazzino.

Il Lanificio Calamai divenne ben presto un’icona dell’architettura industriale di Prato, dove dominava la vista lungo il Bisenzio a fine ‘800, in mezzo agli altri numerosi e importanti edifici industriali. Originariamente gli edifici della fabbrica erano due, il primo dei quali, oggi scomparso, era sorto in seguito all’arrivo in città della ferrovia a Porta al Serraglio, da dove partiva un binario che portava direttamente le merci all’interno della fabbrica.
La fabbrica diventa parte del grande patrimonio di architettura industriale che caratterizza l'immagine urbana pratese, al cui interno si contraddistingue come raro, se non unico, esempio di caratterizzazione rappresentativa e "monumentale" - seppure limitata alla facciata - di un edificio utilitaristico, aspetti per i quali esso viene citato in vari testi sull'architettura industriale della città di Prato.

lanificio calamai mostre
lanificio figli michelangelo calamai

Questa sua caratteristica viene riconosciuta anche dal vigente strumento urbanistico che differenzia le previsioni d'intervento sul complesso salvaguardandone la facciata, inserendola tra le presenze architettoniche sul territorio dotate di valore ambientale o che presentano particolari tipologie meritevoli di conservazione. Inoltre, l'edificio si colloca in una posizione nodale all'interno di un’area a prevalente funzione artigianale e industriale dal punto di vista sia infrastrutturale - per la vicinanza della stazione ferroviaria e della vecchia strada Bolognese - sia ambientale, data la vista sul fiume da un lato e lo sfondo delle colline dall'altro, che ne caratterizzano l'intorno visuale. La facciata monumentale è ancora tutt’ora ben visibile dal Viale Galilei con il grande arco d’ingresso, sormontato dall’alloggiamento dell’orologio e il bellissimo cancello in ferro battuto, sulla cui sommità sono ben visibili eleganti decorazioni floreali che incoronano le iniziali dell’azienda.

Potrebbe interessarti anche:

prato museo tessuto

Museo del TessutoAttività didattiche per le scuole, eventi, mostre dedicate alla moda

Vai alla Pagina


Museo del Tessuto Campolmi

CampolmiLa più grande fabbrica ottocentesca dentro le mura medievali del centro storico

Vai alla Pagina


Centro Culturale MagnolfiUn centro culturale polivalente con la vocazione al teatro

Vai alla Pagina