Prato innovativa :
Progetti innovativi

Un nuovo paradigma per lo sviluppo economico sostenibile

Economia circolare

Un nuovo paradigma per lo sviluppo economico sostenibile

Cosa significa economia circolare? È un’economia pensata per potersi rigenerare da sola, in cui i flussi di materiali sono di due tipi: quelli biologici, in grado di essere reintegrati nella biosfera, e quelli tecnici, destinati a essere rivalorizzati senza entrare nella biosfera. Dato che stiamo vivendo un periodo in cui le risorse naturali sono limitate e le aspettative dei consumatori sono mutate, stiamo assistendo a significativi cambiamenti nelle catene di produzione e di consumo. Allora come fare economia circolare? L’economia circolare suggerisce un approccio innovativo alle materie prime, ai prodotti e ai rifiuti e una visione rigenerativa, contrapposta al modello lineare attuale, basata sul principio delle 5R: Ridurre, Riutilizzare, Rinnovare, Riparare e Riciclare. Pertanto, l’economia circolare si impone come un nuovo paradigma per lo sviluppo economico sostenibile e richiede una profonda sinergia e una convergenza di intenti tra attori istituzionali, imprese, terzo settore e cittadinanza.

Utilizzando questo approccio diventa fondamentale considerare la dimensione della sostenibilità, a partire dall’approvvigionamento delle materie prime fino alla produzione, dal design del prodotto fino alla distribuzione e al riuso: in questo modo l’economia circolare può generare un beneficio economico da 1.800 miliardi di euro entro il 2030, con creazione di nuovi posti di lavoro e un incremento del 3% della produttività annua delle risorse. I temi della circolarità sono sempre stati legati storicamente alla città di Prato, dato che il riuso è stato alla base dello sviluppo del distretto tessile con la creazione della lana cardata, la prima filatura riciclata. Fin dagli anni Ottanta, è stato creato un sistema centralizzato all’avanguardia di depurazione delle acque di scarico civili e industriali grazie a investimenti pubblico-privati. 

Oggigiorno il tema dell’economia circolare per Prato è sempre più rilevante per la crescita del sistema industriale del territorio. Sia dal lato dello sviluppo economico che di quello urbanistico, la circolarità diviene la parola d’ordine per il futuro della città: per questa ragione stanno per essere attuati interventi di rigenerazione degli spazi urbani, come il restituire nuova vita a fabbriche da tempo dismesse che andranno a ricoprire funzioni pubbliche, valorizzandone l’architettura. Inoltre Prato sarà una “città pilota” di un progetto nazionale, insieme a Milano e Bari, diventando un vero e proprio laboratorio per promuovere e sperimentare iniziative innovative sull'economia circolare e su tutte le tematiche con alto impatto ambientale sui rifiuti.