Vivi la città:
Centri della cultura

Uno spazio per lo spettacolo brillante

Teatro Politeama

sala teatro politeama prato

Uno spazio per lo spettacolo brillante

Era l'epoca della lirica e in città era da poco arrivata l'invenzione dei fratelli Lumière. I giardini venivano trasformati in arene all'aperto e si sentiva l'esigenza di un teatro di moderna concezione, che offrisse spettacoli di livello, ma che fosse per tutti e non solo d'élite. Il progetto del Teatro Politeama nacque in questo contesto agli inizi del Novecento.

A volere il più grande teatro che si fosse mai visto dove poter nutrire lo spirito dopo il lavoro nell'allora fiorente industria tessile, fu Bruno Banchini un pratese che aveva fatto successo e enormi fortune come giocatore di "pallone al bracciale", sport che andava per la maggiore in Italia per tutto l’Ottocento, un po' come il calcio odierno. Nel 1906 il Banchini acquistò palazzo Leonetti nella centralissima via Garibaldi ed avviò i lavori.

Furono necessari undici anni per la costruzione e notevoli investimenti in quanto l'edificio era talmente vasto che, per realizzare la copertura, bisognò cercare a Roma tecniche e materiali innovativi. Su progetto del giovane ingegner Pier Luigi Nervi, tra i precursori dell'uso del cemento armato in Italia, venne realizzata la galleria di grande impatto visivo e l'imponente cupola con una botola apribile grazie a due mezzi emisferi movibili elettronicamente.

Il teatro, che poteva ospitare oltre 3000 persone, fu inaugurato con la Tosca di Puccini nel 1925. In ottant’anni di storia ha ospitato non solo la grande opera lirica, ma ogni genere di spettacolo, dalla prosa al cabaret, dai grandi concerti sinfonici alla musica leggera e al cinema, come anche ogni evento ricreativo legato alla città: dalla festa di carnevale agli incontri di boxe.

teatro politeama prato
spettacolio teatro politeama prato

Le poltrone venivano smontate e durante le feste da ballo tante coppie pratesi si sono incontrate e innamorate.
Ridimensionato a 1500 posti e adattato a cinematografo negli anni '50, con la crisi del cinema e le nuove normative sugli impianti, il Politeama chiuse i battenti nel 1985, rischiando di essere trasformato in un garage o un centro commerciale.

TestoPerSpazioTestoPerSpazioTestoPerSpazioTestoPerSpazioTestoPerSpazioTestoPerSpazioTestoPerSpazioTestoPerSpazio A quel punto accadde una cosa unica nell'Italia di quegli anni, la città si mobilitò perchè rinascesse a nuova vita. Il caso arrivò anche sul palco del Maurizio Costanzo Show e salì alla ribalta nazionale.

Potrebbe interessarti anche:

Palazzo Martini Prato

Polo Musicale Palazzo Martini centro musicale della città

Vai alla Pagina