Curiosità:
Personaggi

I testimoni del rapporto tra la città e l’arte

Potrebbe interessarti anche:

cattedrale duomo prato

Il Duomo Varietà di stili e semplicità di volumi per la cattedrale di Santo Stefano

Vai alla Pagina


palazzo pretorio prato

Palazzo PretorioUn itinerario d’arte e storia dal Medioevo al XXI secolo

Vai alla Pagina


museo opera duomo prato

Museo dell'Opera del Duomo Un suggestivo percorso museale

Vai alla Pagina


Palazzo Datini Prato

Palazzo DatiniPalazzo della memoria, dell’identità e della cultura della città di Prato

Vai alla Pagina


Da Lippi ai contemporanei

I testimoni del rapporto tra la città e l’arte

Prato cela un patrimonio artistico e culturale affascinante e pieno. Tanti sono i personaggi a cui la città ha dato i natali o che qui hanno vissuto per poi lasciare impronte significative nel panorama culturale italiano. In particolare fu nel Quattrocento che la città assunse un ruolo rilevante nella storia dell’arte. In quel periodo, infatti, intorno alla fabbrica del Duomo si riunirono le migliori maestranze dell’epoca, da Donatello a Michelozzo. Il culmine dei lavori si raggiunse nel 1452 quando Filippo Lippi affrescò la cappella maggiore con le Storie di S. Stefano e S. Giovanni Battista, realizzando così un assoluto capolavoro artistico, fonte di ispirazione per molti pittori della generazione successiva.
TestoPerSpazioTestoPerSpazioTestoPerSpazioTestoPerSpazioTestoPerSpazioTestoPerSpazioTestoPerSpazioTestoPerSpazio
Secondo Keith Christiansen, uno dei maggiori esperti d’arte rinascimentale al mondo, «non si può capire il Rinascimento senza conoscere Prato».
Si può dunque affermare che nel Quattrocento Prato, operosa cittadina toscana attiva nel commercio e nella produzione tessile, grazie all’attività di Filippo e Filippino Lippi ed altri importanti maestri, fu la culla di una rivoluzione radicale dell’arte italiana.

Il rapporto tra la città e l’arte si è poi consolidato lungo il corso dei secoli attraverso figure come Ferdinando Tacca, che lavorò come bronzista per Ferdinando II e Cosimo II dé Medici, e Lorenzo Bartolini, uno dei più importanti scultori italiani attivi tra Settecento e Ottocento e di cui nel Museo di Palazzo Pretorio si può ammirare una suggestiva collezione di opere.

La dinamicità culturale ha contraddistinto Prato anche in tempi più recenti. Il XX secolo ha visto la presenza di pittori di spicco come Ardengo Soffici considerato il fondatore della “Scuola di Prato” degli anni ’30, di cui sono stati esponenti anche Arrigo del Rigo, Quinto Martini, Giulio Petrucci, Gino Brogi, Oscar Gallo e Leonetto Tintori.

arte a prato
artisti contemporanei prato

Tale fermento artistico è proseguito negli anni Settanta quando ha preso vita quello che viene definito il “Neonaturalismo pratese” a cui sono associati i nomi di Sergio Fiaschi, Anna Sanesi, Adon Brachi, Rinaldo Frank Burattin.

Potrebbe interessarti anche:

cattedrale duomo prato

Il Duomo Varietà di stili e semplicità di volumi per la cattedrale di Santo Stefano

Vai alla Pagina


palazzo pretorio prato

Palazzo PretorioUn itinerario d’arte e storia dal Medioevo al XXI secolo

Vai alla Pagina


museo opera duomo prato

Museo dell'Opera del Duomo Un suggestivo percorso museale

Vai alla Pagina


Palazzo Datini Prato

Palazzo DatiniPalazzo della memoria, dell’identità e della cultura della città di Prato

Vai alla Pagina