Vivere a Prato:
La città verde

Uno splendido parco nella zona sud della città

Potrebbe interessarti anche:

Prato città verde

Prato città verde Una panoramica della natura urbana

Vai alla Pagina


Riversibility - Il parco fluviale del BisenzioIl progetto Riversibility recupera il legame città-fiume e promuove il benessere urbano

Vai alla Pagina


Golf Club Le Pavoniere prato

Golf Le PavoniereGolf & Country Club

Vai alla Pagina


Valle del Bisenzio

Il Bisenzio e la sua valleIl punto di contatto tra l’ambiente urbano e quello naturale

Vai alla Pagina


Cascine di Tavola

Parco Cascine di Tavola

Uno splendido parco nella zona sud della città

Le Cascine di Tavola sono uno splendido parco che, con i suoi circa 300 ettari, si estende nella zona sud della città, prendendo il nome dall’omonimo quartiere in cui si trova.
Realizzate nel Quattrocento per volere di Lorenzo di Piero de' Medici detto il Magnifico, sulla base di un progetto che prevedeva l’acquisto e la trasformazione della villa di Poggio a Caiano e la realizzazione di un vasta tenuta agricola bonificata dalle paludi attraverso una fitta rete di canali. All’epoca l’attività principale era l’allevamento del bestiame e la produzione di formaggi era in grado di soddisfare la domanda di tutta Firenze.

La fattoria, circondata da un largo fossato, è l’edificio principale della tenuta e fu realizzata tra il 1477 e il 1479 da Giuliano da Sangallo e Giuliano da Maiano, due architetti al servizio di Lorenzo che ricavarono direttamente il progetto dal ‘De architectura’ di Vitruvio. Nel Cinquecento furono impiantate nella zona ovest della tenuta (poderi del Pasco e del Pinzale) vaste risaie sperimentali, le prime in Toscana.

La massima estensione e la più razionale organizzazione della tenuta agricola fu raggiunta all’inizio del Seicento, quando le attività principali erano costitute dall’allevamento del bestiame, dai prodotti caseari, dal pesce pescato nei canali, dalle risaie e dai prodotti agricoli.

Ma le Cascine di Tavola erano anche luogo di delizie e di svago: al tempo dei granduchi medicei tutta la tenuta era collegata da viali percorribili con le carrozze, vi erano zone per la caccia e la pesca, furono realizzate due ampie gabbie per l’uccellagione, il recinto delle ‘pavoniere’, un ampio spazio di circa 20 ettari dove si allevavano i daini utilizzati per la ‘corsa dei daini’, una gara in cui i poveri animali venivano inseguiti dai levrieri. Nel corso del Settecento la fattoria fu ristrutturata ed assunse l’aspetto attuale. Nel periodo napoleonico le risaie vennero colmate.

Cascine di Tavola golf

Nel corso dell’ottocento si risistemarono i canali, allora percorribili con barche, e si crearono per il passeggio boschetti di gusto romantico e zone a selvatico. Nel dopoguerra vi fu un progressivo declino e abbandono dei poderi, anche a seguito delle distruzioni belliche, dell’inquinamento e dell’intasamento delle gore.
Attualmente gran parte dell’area è un magnifico parco ad uso pubblico, con grandi prati e zone a bosco.

Un approfondimento in più

Potrebbe interessarti anche:

Prato città verde

Prato città verde Una panoramica della natura urbana

Vai alla Pagina


Riversibility - Il parco fluviale del BisenzioIl progetto Riversibility recupera il legame città-fiume e promuove il benessere urbano

Vai alla Pagina


Golf Club Le Pavoniere prato

Golf Le PavoniereGolf & Country Club

Vai alla Pagina


Valle del Bisenzio

Il Bisenzio e la sua valleIl punto di contatto tra l’ambiente urbano e quello naturale

Vai alla Pagina